Durga Puja India Turismo responsabile e sostenibile

Navaratri & Durga Puja (dal 10 al 19 Ottobre 2018)

É celebrato per nove notti consecutive in onore di Rama (l’eroe del poema epico Ramayana) e della dea Durga. Durante i nove giorni si cantano parti del Ramayana e si rappresentano episodi della vita dell’eroe (popolarmente chiamate Ramleel). Il decimo giorno è detto Dussehra e in tutta l’India si organizzano fiere, si bruciano le effigi del demone Ravana, di suo figlio Meghnad e di suo fratello Kumbhakarna a simboleggiare la distruzione del male che risiede in ognuno di noi per essere liberi di seguire la via della verità e della bontà. Secondo il Purana (antico testo hindu), in questi giorni la dea Durga sconfisse il demone Mahishasura. La battaglia durò nove giorni e nove notti e il decimo giorno Mahishasura fu ucciso e il bene trionfò. La celebrazione più gioiosa di questa festività si svolge nel Nord, specialmente nel Bengala Occidentale. Negli ultimi giorni è celebrato il Durga Puja (rito di adorazione), che a Calcutta non ha solo rilevanza religiosa ma è reputato uno dei più grandi eventi sociali e culturali. Prevalentemente, coinvolge gli abitanti in dieci giorni di socializzazione, incontrano i loro cari non solo per fargli doni, ma anche per augurare una felicità duratura. Le festività includono gli ultimi 4 giorni, a partire dal sesto giorno detto Maha-Shashti fino a quando gli idoli vengono immersi nelle acque del fiume Hooghly nella sera di Dashami (decimo giorno). Migliaia di idoli di creta raffiguranti Durga, la dea dalle dieci braccia, ingombrano le strade di Calcutta in una lunga processione, tra canti, balli e fuochi d’artificio. Inoltre, si assiste ad altre vivaci attività come canti e balli e si gustano i succulenti dolci tradizionali del Bengala, il tutto tra le case decorate. Si possono comprare vestiti e accessori alla moda sulle bancarelle che inondano le strade di una abbagliante Calcutta, illuminata dalle luci del festival.

Guarda il nostro itinerario che comprende Navaratri & Durga Puja in “Il sacro Gange”

Go top