24 febbraio 2017

Bagan, la valle dei templi in Birmania

Bagan

Bagan, la valle dei tempi in Birmania

Durante il vostro viaggio in Birmania, una delle tappe obbligate, e luogo tra i più suggestivi che il Myanmar abbia da offrire, sarà indiscutibilmente la valle dei templi di Bagan. Un luogo magico, con un’atmosfera indescrivibile, che non è stato ancora possibile nominare Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO a causa della ricostruzione effettuata su alcuni templi crollati, eseguita in maniera non conforme all’originale metodo di ricostruzione. Bagan è una delle aree più sacre della Birmania e di tutta l’Asia in generale. È incredibile che si tratti di una verde pianura di soli 40 km quadrati, in cui i sovrani birmani hanno costruito nell’arco di 250 anni, tra l’XI e il XII secolo, circa 13.000 templi di varie dimensioni. Un lembo di terra così piccolo, con una enorme vastità di tesori. Si calcola che attualmente solo 2.500 templi siano ancora in piedi, e sono sotto controllo per cercare di tutelarli.

Bagan Myanmar

Conosciuta anche come Pagan, Bagan in Birmania è formalmente nominata come Arimaddanapura, e fu la vecchia capitale di parecchi regni antichi che gettarono le basi per l’ascesa della cultura e della lingua birmana, la diffusione della etnia Bamar e del buddismo Theravada in tutto il paese. Situata sulle rive del fiume Irrawaddy (Ayeyarwady) a Bagan c’è la più alta concentrazione di templi buddisti, pagode e stupe del mondo. L’architettura di ogni tempio ha un importante significato per il Buddismo. Qui non si può fare altro che fermarsi ad ammirare, in silenzio, la storia antica che riprende vita sotto i raggi del sole che la illumina da secoli. Bisogna respirarla, assorbirla, lasciarsi avvolgere. Il duro lavoro e la profonda devozione degli uomini che hanno edificato le migliaia di templi e stupe sono ancora tangibili. Non essendo protetti dal vento, i templi vengono levigati dalle particelle di sabbia, che erodendo i rivestimenti di stucco scoprono i mattoni rossi e che prendono sfumature dorate quando sono illuminate dalla luce del sole all’alba e al tramonto. A Bagan si fa a gara ogni giorno per riuscire ad accaparrarsi il posto migliore da dove contemplare questo meraviglioso spettacolo che da solo vale il viaggio in Birmania. Nonostante la valle di Bagan sia uno dei luoghi più turistici del paese, è importante ricordare che è principalmente un luogo sacro e spirituale e quindi come tale va rispettato, facendo attenzione a dove si cammina, e che qualunque mattone, anche qualcuno caduto a causa di un terremoto o di semplice instabilità, ha un valore religioso.

Lo spettacolo dei templi di Bagan è unico e suggestivo, una completa immersione nella storia della Birmania, nella sua cultura e profonda spiritualità. Tiziano Terzani ha scritto una volta che Bagan è uno di quei luoghi che “ti rende fiero di appartenere alla razza umana”. È un luogo commovente, dove entrare in contatto con l’Umanità e la sua grandezza. La valle dei templi di Bagan è costellata da migliaia di templi ed affascina per la sua maestosità. Qui il tempo si è fermato, per preservare questi templi così simili tra loro ma tutti significativamente differenti. Immobili testimoni di un’epoca che fu, protetti nel loro austero isolamento che gli conferisce un incanto mistico ed ineguagliabile. È il testamento più solenne della profonda religiosità della popolazione e dei governanti del Myanmar.

Templi di Bagan

I templi principali di Bagan sono:

  • Il tempio Gawdaw Palin, è una fusione di stili diversi, principalmente quello indiano e birmano. Al suo interno c’è una bellissima corte con una stupa e dei campanari. È il simbolo dell’architettura della valle di Bagan ed è il secondo tempio più alto.
  • il tempio That Byin Nyu, è uno dei più sacri, si dice che Buddha l’abbia raggiunta sotto illuminazione ed è la struttura più alta della valle, posizionata adiacente al tempio Ananda.
  • il tempio Shwe Gugyi, uno dei punti migliori per poter osservare la valle dall’alto, perchè ancora perfettamente integro e meglio conservato, permettendo il libero accesso.
  • il tempio Myazedi, per le sue antiche scritture, le più antiche in birmano, che hanno permesso di decifrare la lingua scritta Pyu.
  • il tempio Gu Byauk Gyi, famosa per gli affreschi al suo interno, che sono visibili grazie a delle torce vista la scarsa luce al suo interno.
  • il tempio Htilominio, è forse quello più famoso tra i turisti, uno degli ultimi ad essere costruiti intorno al 1220 e il suo nome significa Benedizione dei tre mondi.

La Birmania è una terra ancora poco esplorata, a causa delle sue complesse vicende storico-politiche. Questo isolamento forzato ha fatto sì che la Birmania, ora Myanmar, si preservasse in purezza, tenendo a distanza il rischio di occidentalizzazione. In questo mondo moderno in cui tutto si somiglia, visitare una terra così straordinaria è un’esperienza preziosa.

VIAGGIO A BAGAN

Conscious Journeys vi offre tre diversi tour in Birmania, Il meglio del MyanmarBirmania: trekking, tribù e templi e L’essenza della Birmania. I viaggi hanno differenti sensi di marcia, il primo ed il terzo partono da Mandalay fino a giungere a Yangon, mentre il secondo segue il percorso inverso ed aggiunge delle escursioni di trekking. La valle dei templi di Bagan è naturalmente presente in tutte e tre le nostre proposte, così come la visita al pittoresco Inle Lake ed al villaggio di Hta Nee La Let. Qualunque tour scegliate, il vostro viaggio in Birmania sarà un’esperienza indimenticabile.

  • Bagan
  • Bagan
  • Bagan
  • Bagan
  • Bagan
Go top