25 novembre 2016

Altromercato Experience

Altromercato

Altromercato

Conscious Journeys è felice di annunciare la nuova collaborazione messa in piedi con il consorzio del commercio equo e solidale italiano Altromercato, aderendo al programma Altromercato Experience e proponendo viaggi specifici.
Altromercato ha attivato un servizio in favore delle cooperative del commercio equo e solidale che sostiene, e da cui importa i prodotti da rivendere nelle proprie botteghe in Italia, proponendo viaggi con un’occasione autentica per conoscere da vicino la vita e le tradizioni delle comunità locali, accorciando così la distanza tra produttore e consumatore.
Si potranno dunque visitare durante i nostri viaggi di turismo sostenibile le cooperative da dove vengono i prodotti Ctm Altromercato, e trascorrere del tempo con gli artigiani, facendosi spiegare i propri obiettivi, il metodo lavorativo e l’importanza di creare una rete Fair Trade.
Questi viaggi a marchio Altromercato Experience inseriscono nei loro programmi la conoscenza dei luoghi e delle persone coinvolte nella lavorazione dei prodotti Altromercato, attraverso visite guidate di una giornata e il coinvolgimento diretto del visitatore nel processo produttivo con i protagonisti del Commercio Equo e Solidale: gli artigiani e i contadini, facendo scoprire la cultura dei progetti sociali e dell’impegno a favore dell’ambiente, a voler testimoniare dei benefici economici e sociali diretti del Commercio Equo e Solidale.
Questi valori sono molto importanti per Conscious Journeys e si sposano in pieno con i nostri viaggi già ricchi di visite alle comunità locali, pertanto si è deciso di promuovere la visita in queste cooperative sostenendo i loro progetti.
Le cooperative selezionate dal nostro tour operator sono Silence in India e Selyn in Sri Lanka, che potrete visitare programmando la vostra Altromercato Experience nel tour Il sacro Gange e nei Tesori dello Sri Lanka.

Commercio equo e solidale

Il commercio equo e solidale o Fair Trade è una forma di commercio internazionale che garantisce dunque alla cooperativa produttrice un prezzo giusto ed equo, opponendosi alla massimizzazione del profitto praticata dalle grandi multinazionali. Caratteristica tipica è infatti vendere direttamente al cliente finale i propri prodotti, attraverso la rete di vendita del commercio equo e solidale eliminando qualsiasi intermediario nella filiera. In questo modo si può garantire ai produttori ed ai lavoratori dei paesi in via di sviluppo un trattamento economico favorevole. Con questo circolo virtuoso infatti i produttori agricoli riescono a consociarsi e a formare dell piccole entità, e ad avere forza contrattuale da opporre ai grossisti internazionali presso i quali si rifornisce la grande distribuzione.

Silence

L’obiettivo più importante per Silence è quello di permettere alle persone con disabilità (soprattutto le persone sorde) di ottenere una formazione tecnica, al fine di lavorare e di potersi guadagnare da vivere. La storia di Silence inizia nel 1976, quando un manipolo di persone sorde formarono un piccolo gruppo informale ognuno con delle competenze creative diverse ma tutti con il sogno di ottenere l’autosufficienza economica e spirituale. La loro dedizione oltre ad una coraggiosa iniziativa per creare biglietti di auguri dipinti a mano, hanno attirato un gruppo di attivisti sociali. E insieme, hanno formato una società che venne registrata come ONG nel 1979. Per i primi anni Silence è dipesa economicamente dai propri sostenitori e da fondazioni per l’acquisto di un laboratorio per gli artigiani, l’emporio (un punto di vendita) oltre a strumenti e attrezzature. Silence è ora in grado di affrontare le spese per la produzione ed il personale con le proprie forze registrando costante crescita di ricavi dalla vendita. Silence ha un proprio centro di formazione in collaborazione con l’Università di Jadavpur (Training Institute), dove l’artigianato artistico e il commercio sono insegnati in modo che le persone possano trovare un lavoro anche in altre organizzazioni. Silence condivide i profitti con gli artigiani e fornisce loro un sistema di welfare e l’assicurazione sanitaria.

Selyn

L’obiettivo di Selyn è di creare occupazione nelle aree rurali e marginali, laddove la maggior parte degli abitanti è costretta a migrare verso altri Stati in cerca di lavoro.
Selyn produce giocattoli di stoffa, tessuta a mano su telai tradizionali. I giochi sono realizzati nel rispetto della normativa europea sulla sicurezza e testati in laboratorio. Attraverso questi prodotti, Selyn ha ridato vigore alla lunga tradizione cingalese del telaio a mano.

Selyn Sri LankaSilence Kolkata
Go top