India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

India

Il meglio dell’India del Sud

il meglio dell’india del sud

Viaggio nell’India del sud – 16 Giorni

L’itinerario proposto è un percorso insolito ed innovativo per scoprire i luoghi più straordinari e la varietà naturale e culturale presente in India del Sud. Si potranno ammirare i più famosi e rinomati templi del Tamil Nadu e, allo stesso tempo, ci si immergerà nel patrimonio culturale e spirituale di questi popoli.
Il tour inizierà a Chennai (prima Madras) e finirà nel Malabar, regione costiera del Kerala. Se si avesse necessità di accorciare il viaggio, sarà possibile prendere un volo internazionale a Kochi.
Si proseguirà con Mahabalipuram, una fiorente città portuale della dinastia Pallava, famosa per essere un vero e proprio museo di scultura all’aria aperta. La visita a DakshinaChitra, mostrerà il lavoro di questa ONG impegnata nella conservazione delle arti, tradizioni e architetture dell’Asia del Sud.
A Pondicherry, si potrà visitare la comunità internazionale di Auroville, con i suoi progetti di energia rinnovabile, agricoltura biologica ecc.
Sulla strada per Kumbakonam, si visiterà Chidambaram, dove sorge l’unico tempio dell’India dedicato a Shiva Nataraja (Shiva Danzante). Qui sarà illustrato l’interessante progetto di sviluppo di una ONG locale che supporta donne e bambini. Si proseguirà con il tempio Airavateswara di Kumbakonam e il tempio Meenakshi a Madurai.
Si giungerà poi all’antica città di Kochi, passando per il parco nazionale di Periyar, uno dei più belli dell’India, situato a Theddaky.
Da Cochin ci sposteremo verso la città sacra di Thrissur la capitale culturale del Kerala e luogo dove si celebra il famoso Thrissur Pooram, un festival con elefanti che riunisce Musulmani, Cristiani e Hindu, e celebrato in modo sfarzoso generalmente tra Aprile e Maggio. Da qui ci dirigeremo verso la località di Nilambur e in seguito si raggiungerà la foresta pluviale del Kerala, che con i suoi infiniti ruscelli, torrenti e fiumi, è un habitat ideale per una enorme varietà di flora e fauna: foreste tropicali sempreverdi e semi-sempreverdi, umide praterie caducifoglie, aree secche ricoperte di sterpaglia spinosa, burroni, aspre cime e aree di ombra pluviometrica.
Durante il soggiorno di 3 giorni nella paesaggistica e incontaminata regione collinare di Wayanad, ospitati nel villaggio locale, si vivrà un’esperienza autentica e diretta della vita delle comunità locali, osservando da vicino contadini, artisti e artigiani locali. La tipologia di sistemazione varierà di volta in volta durante il percorso, da alloggi presso le famiglie locali ad alberghi d’epoca, da resort a campeggi immersi nella natura. Saranno proposte tante attività che esaltino l’unicità culturale e naturale della India del Sud: trekking nella foresta pluviale e nelle piantagioni, interazioni con le comunità dei villaggi, safari, osservazione degli uccelli, delle farfalle e della fauna selvatica.
Sebbene alcune destinazioni non siano mete solite dei circuiti turistici, le sistemazioni sono state selezionate con grande cura per assicurare il maggior comfort possibile in ogni situazione.

A partire da 1250€ a persona + Volo
Quota calcolata su 10 persone
Itinerario disponibile per:
Viaggio di gruppo
Viaggio Privato (min. 2 persone)
Viaggio di nozze
Viaggi Tamil Nadu India Turismo responsabile e sostenibileViaggi Kerala India Turismo responsabile e sostenibileViaggi Tamil Nadu Kerala India Turismo responsabile e sostenibile

INDIA DEL SUD: PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° giorno: arrivo a Chennai

Chennai- Mahabalipuram
Arrivo previsto al mattino all’aeroporto di Chennai, incontro con i nostri operatori all’uscita del terminal e trasferimento in albergo a Mahabalipuram per riposare. Visita a DakshinaChitra, una ONG che si occupa di tenere vive le arti, l’artigianato e l’architettura tradizionale del Sud dell’India. Visita guidata di due ore nei palazzi d’epoca della città, esplorandone ogni angolo. Possibilità di fare un esperienza diretta di forme di arte o artigianato.
Pernottamento a Mahabalipuram.

2° giorno: visita a Mahabalipuram

Mahabalipuram
Dopo la colazione, intera giornata dedicata alla scoperta di Mahabalipuram. Chiamata anche Mamallapuram, la cittadina risale al VII-IX secolo, durante il regno della dinastia Pallava. Gli edifici, quasi tutti ricavati dal granito, sono tra i più antichi esempi di architettura Dravidica. Al mattino visita al tempio sulla spiaggia, la struttura più antica della zona, costruita nell’VIII secolo; ai Pancha Rathas (i 5 carri), 5 strutture piramidali monolitiche affiancate da enormi sculture di animali, tra cui un elefante; al tempio Thirukadalmallai, dedicato a Vishnu, costruito dal re Pallava per proteggere le sculture dall’oceano. Pomeriggio libero per esplorare il villaggio, passeggiare sulla spiaggia o rilassarsi in albergo a bordo piscina.
Pernottamento a Mahabalipuram. (C)

3° giorno: trasferimento a Pondicherry

Mahabalipuram – Pondicherry
Con il lungomare, le ampie strade, l’evidente lascito culturale e architettonico francese e il popolare Ashram, Puducherry (nome originario) è una città indiana unica nel suo genere. La precedente colonia francese fu fondata all’inizio del XVIII secolo come enclave coloniale, e con il tempo al caratteristico stile indiano fu sovrapposto lo stile francese. Conseguenza ne è la ricchezza culturale e architettonica.
Un tour guidato ti mostrerà le maggiori attrazioni turistiche come l’Ashram fondato da Sri Aurobindo nel 1926 e poi da lui affidato alla sua discepola ‘La Madre’ ; la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù e il museo commemorativo Bharti e Bharthidasan. Il distretto di Pondicherry è anche il luogo di nascita di alcune rilevanti personalità come il poeta Subramanya Bharathy e il regista M. Night Shyamalan.
Tempo libero per visitare la città, le spiagge e il lungomare, che è sempre tenuto pulito così da non rovinare la sua affascinante bellezza.
Pernottamento a Pondicherry. (C)

4° giorno: visita ad Auroville

Pondicherry- Auroville- Pondicherry
Trasferimento di buon mattino ad Auroville, che si propone come una città universale dove uomini e donne di tutti i paesi possano vivere in pace e armonia, superando differenze religiose, politiche e culturali. Nata nel 1968, è un progetto in continuo divenire. Alle 8.30 al centro visitatori si potrà vedere un video esplicativo e poi visitare il cuore della cittadina, i giardini di Matrimandir, una meraviglia architettonica moderna con un globo dorato altro 30m con urne a forma di loto alla base. Il programma prosegue con una sessione di 2h su Sri Aurobindo e sullo Yoga integrale e un giro in bicicletta per scoprire i vari luoghi di Auroville. Durante il tour saranno illustrati la Carta di Auroville che funge da silenziosa guida per gli abitanti della cittadina e i vari progetti perseguiti: architettonici per il suo ampliamento, agricoli per il sostentamento e finanziari per sperimentare nuove soluzioni per il futuro.
Pernottamento a Pondicherry. (C, P)

5° giorno: visita a Chidambaram

Pondicherry– Chidambaram- Kumbakonam
Partenza per Chidambaram. Visita all’interessante progetto di sviluppo della ONG EKTA, che promuove campagne per l’eliminazione della violenza sulle donne e crea luoghi d’incontro per scambiare conoscenze ed esperienze. Fa pressione affinché ci siano politiche maggiormente interessate alle donne. Dal 2007 dispone di una struttura, il Nambikkai centre, in cui ospita 30 ragazze, alle quali viene data la possibilità di studiare, fare sport, imparare un mestiere. Esso funge anche da centro di accoglienza per mamme e bambini in difficoltà. Il pranzo sarà preparato dalle donne del villaggio.
A seguire, visita alla foresta di mangrovie di Pichavaram, che si trova su due estuari e copre un’area di oltre 10.000mq, con giro su una barca tradizionale a remi per osservare da vicino le mangrovie. Essendo alberi molto fitti e immersi nell’acqua, le mangrovie attirano molti uccelli, sia nativi che migratori, che sono facilmente visibili.
Nel tardo pomeriggio, visita al tempio di Chidambaram per assistere alla cerimonia dell’Aarti puja.
Trasferimento a Kumbakonam, chiamata la città-tempio o la città dei templi, dato l’elevato numero di templi costruiti dentro e attorno alla città. check-in in albergo.
Pernottamento a Kumbakonam. (C, P)

6° giorno: visita a Kumbakonam

Kumbakonam
Dopo la colazione, visita al tempio Gangaikonda Cholapuram, il cui nome significa ‘la città dei Chola che catturò il Gange’. A seguire, visita al villaggio Dharasuram, situato a 3 km da Kumbakonam, noto per il tempio Airavateswara, anche questo costruito sotto la dinastia Chola nel XII secolo. Il tempio è dedicato ad Airavata, l’elefante bianco della mitologia Hindu che trasporta il dio Idra. Entrambi i templi sono stati dichiarati patrimonio dell’UNESCO nel 2004 e sono maestosi esempi della maestria architettonica della dinastia. In serata, esibizione tradizionale della danza Bharathanatyam e tipica cena vegetariana.
Pernottamento a Kumbakonam. (C, P)

7° giorno: visita a Tanjore

Kumbakonam – Tanjore- Madurai
Partenza di buon mattino per Madurai. Sosta lungo il tragitto per visitare il tempio Brihadishvara a Tanjore. Conosciuta anche come Thanjavur, era una città Chola e acquistò importanza sotto questa dinastia tra l’XI e il XIV secolo. Secondo la leggenda, il nome deriverebbe da Tanjan, nome di un demone asura della mitologia Hindu, che fu ucciso da Vishnu e Sri Anandavalli Amman per aver devastato la zona, ma a cui fu concesso di dare il nome alla città come ultimo desiderio prima di morire. Il tempio fu costruito per volere dell’imperatore Chola Raja Raja e mostra la vivacità dell’architettura indiana. È una meta di pellegrinaggio predilette dai visitatori della città.
Dopo pranzo, trasferimento a Madurai e giro turistico della città per vedere le maggiori attrazioni: il palazzo reale; il tempio Sri Meenakshi, dedicato a Shiva, qui chiamato Sundareshvara, e alla sua consorte Parvati o Meenakshi, che attira molte persone da differenti parti dell’India; il tempio Alagar Koil, dedicato a Vishnu.

8° giorno: trasferimento a Periyar

Madurai -Periyar
Al mattino presto, possibilità di visitare il tempio Sri Meenakshi. Dopo colazione, trasferimento a Periyar (circa 5h). Check-in in albergo a Thekkady. Visita alla Riserva di Periyar che copre un’area di 777kmq. È una delle 27 riserve per la tutela della tigre dell’India; nel 1982 la sua area più interna, inaccessibile al turismo, fu elevata al rango di Parco Nazionale.
È considerato un esempio della generosità della natura che, con gli innumerevoli scorci panoramici e la ricca bio-diversità, offre una esperienza più che soddisfacente ai visitatori. Vi si svolgono progetti di eco-turismo gestiti da persone locali, responsabili della sorveglianza delle zone più vulnerabili della riserva.
Tempo libero per rilassarsi, passeggiare e godersi il parco.
Pernottamento a Periyar. (C)

9° giorno: trasferimento a Kochi

Periyar-Kochi
Dopo la colazione, possibilità di fare trekking lungo sentieri naturali che si inoltrano in habitat molto differenti tra loro. L’inizio è previsto alle 7 e dura circa 3h; i gruppi possono essere di max 5 persone e saranno accompagnati da una guida locale. I percorsi sono di 4-5km ed offrono l’opportunità di osservare uccelli, farfalle e fauna selvatica e di scoprire l’incredibile varietà naturale della zona, passando attraverso foreste sempreverdi o caducifoglie inframmezzate da praterie paludose.
Dopo pranzo, trasferimento a Kochi (circa 4h) e check-in in albergo nell’antico quartiere di Fort Kochi, luogo ricco di fascino, con la sua eredità europea e un temperamento cosmopolita. Tempo libero per passeggiare per le strade della città alla scoperta del suo porto naturale e dei siti storici.
Pernottamento a Kochi. (C)

10° giorno: visita a Kochi

Fort Kochi
Dopo la colazione, visita guidata di mezza giornata in città, per scoprire la città ebrea, la sinagoga, il mercato delle spezie, il Mattancherry Palace, noto anche come Dutch Palace, la St. Francis Church, la chiesa europea più antica di tutta l’India, le Cheena Vala, le tipiche reti da pesca cinesi (unico luogo al di fuori della Cina dove sono utilizzate).
Ritorno in albergo. Resto della giornata libero. In serata, esibizioni danzanti al Greenix Village. Unico villaggio culturale del Kerala, il Greenix è un’istituzione all’avanguardia nella promozione dell’arte e delle varie declinazioni della cultura del Kerala. È attivo dal 2006 e copre un’area di oltre 4000 mq. Il programma culturale pomeridiano (dalle 17 alle 19:30) comprende forme d’arte tradizionali come la Mohiniyattom, tipica danza di benvenuto del Kerala; la Bharathanatayam, tipica dell’India del Sud; la Kalaripayattu, arte marziale del Kerala; la Kathakali, una forma di teatro-danza con costumi e movenze molto elaborati; la Theyyam, una danza religiosa. Alla fine si assiste alla fusione di tutti gli stili di danza.
Pernottamento a Fort Kochi. (C)
N.B. La sinagoga è chiusa il venerdì e sabato; il Dutch Palace il venerdì.

11° giorno: visita alle Backwaters di Kumarakom

Fort Kochi-Kumarakom-Kochi
Trasferimento a Kumarakom di buon mattino (1h) per una crociera di un giorno nelle Backwaters più belle del Kerala. Altra attrazione turistica di grande rilevanza è la riserva per uccelli che si estende per più di 14 acri. L’agricoltura, la pesca e il turismo sono le maggiorni attività economiche della città, dichiarata nel 2005 Special Tourism Zone dal governo del Kerala.
Partecipazione all’iniziativa di turismo responsabile chiamata ‘Village life experience’, che consiste in un pacchetto di mezza gironata che permette di vivere l’esperienza della vita in un autentico villaggio. È un modo per inserire nell’itinerario un servizio turistico legato alle comunità locali, così come dettato dai principi del turismo responsabile. Dopo pranzo, rientro a Kochi. Tempo libero e possibilità di sottoporsi a trattamenti ayurvedici.
Pernottamento a Kochi. (C, P)
A questo punto potrete decidere se interrompere il viaggio e partire con un volo internazionale dall’aeroporto di Kochi o proseguire.

12° giorno: Kochi e thrissur

Kochi – Thrissur
Mattinata a disposizione per fare shopping a Cochin o sperimentare un massaggio ayurvedico (Nel caso della Thrissur pooram subito dopo la colazione trasferimento a Thrissur). Dopo pranzo, trasferimento a Thrissur (2h e mezza). Il nome di Thrissur deriva da ‘Tiru-shiva-perur’ o la città con il nome di Shiva (il distruttore in Trinity il santo indù del creatore-conservatore-cacciatorpediniere). Con la sua ricca storia, il patrimonio culturale e la ricchezza archeologica, Thrissur è chiamato il capitale culturale del Kerala.Thrissur pooram, un festival di due vecchio secolo celebrato con tutti i fasti e lo splendore nel mese di aprile / maggio, è la più grande attrazione di Thrissur. Visita del Tempio di Vadakkumnatha,
elevato su uno sperone di roccia, il tempio è un luogo sacro per gli induisti, famoso per le decorazioni murali e le antiche pitture, che finisce la processione cerimoniale degli elefanti. È il tempio attorno a cui ruotano tutti gli eventi del pooram, una sorta di pellegrinaggio che è un’esplosione di colori, luci e suoni.  Questo è uno dei luoghi di venerazione più importanti per la religione Hindu ed é uno dei più importanti di tutta l’India il cui accesso è permesso ai soli credenti. In serata, esibizione del teatro delle marionette.
Pernottamento a Thrissur. (C)

13° giorno: Thrissur e Nilambur

Thrissur – nilambur
Dopo la colazione, trasferimento a Nilambur (2h e mezza). Check-in presso il Maranat Mana Homestay, una proprietà d’epoca che rispecchia le tradizioni dell’antica casta Brahmin del Kerala. Pranzo con la famiglia ospitante. Seguendo i criteri di sostenibilità, questa struttura riesce a mantenere un perfetto equilibrio tra vita tradizionale e modernità. I due acri di bosco sacro all’interno della proprietà forniscono un esempio di biodiversità locale, costantemente protetta. Pomeriggio libero per esplorare il bosco, le risaie e il villaggio o fare una bagno rilassante.
Pernottamento a Nilambur. (C, P, C solo vegetariano)

14° giorno: trasferimento a Wayanad

Nilambur – Wayanad
Dopo la colazione, trasferimento a Wayanad, nel villaggio di Thrikaipetta. Il distretto di Wayanad è considerato un paradiso naturale, incastonato nella catena dei Ghati occidentali, che segnano il confine della parte più verde del Kerala. Incontaminata, affascinante e ipnotica, questa terra è anche ricca di storia e cultura. Check-in presso la guest house e conoscenza della famiglia che la gestisce. Dopo pranzo, visita al Bamboo Village di Thrikaipetta, una iniziativa di turismo responsabile. Possibilità di interagire con i contadini e di visitare la ONG locale di Uravu, che produce artigianato in bambù. La visita include l’incontro con i promotori, un giro illustrativo nelle serre e la partecipazione all’iniziativa Traveler’s Forest, piantando un bambù. Possibilità di visitare il laboratorio di bambù e conoscere gli artigiani e i disegnatori, che vi mostreranno come creare degli oggetti incredibili dalle diverse varietà di bambù locali.
Pernottamento a Wayanad. (C, P)

15° giorno: vita nel villaggio a Wayanad

Wayanad
Al mattino, breve escursione sul monte Manikunnu per godersi il panorama. Passeggiata guidata attraverso gli orti di spezie e verdure. L’iniziativa ‘Incontra gli anziani’ offre l’occasione di osservare i loro metodi di vita sostenibile, per mostrare quali siano le origini della modernità. Ai visitatori è offerto un pranzo speciale a base di bambù, dal riso ai germogli e sottaceti. È un’esperienza unica.
Dopo pranzo, camminata nei villaggi circostanti, visita alle grotte di Eddakal e dei piccoli tempi gianisti della zona.
In serata, partecipazione ad un programma di scambio culturale con gli abitanti del villaggio, con l’esecuzione di canzoni tradizionali e la possibilità per gli ospiti di cantare qualcosa.
Pernottamento a Wayanad. (C, P, C)

16° giorno: partenza da Calicut

Wayanad-Calicut
Trasferimento all’aeroporto di Calicut (circa 2h e mezza) e partenza con volo internazionale.

ATTIVITÀ

  • visitare i maestosi e bellissimi templi del Tamil Nadu
  • scoprire le architetture tradizionali, l’artigianato e la cultura del Sud dell’India a DakshinaChitra
  • conoscere la comunità internazionale di Auroville e i suoi progetti per la sostenibilità
  • esplorare l’ex colonia francese di Pondicherry
  • fare un giro in barca nella foresta di mangrovie di Pichavaram
  • visitare i progetti dedicati ai bambini a Chidambaram
  • assistere ad una esibizione di danza Bharathanatyam a Kumbakonam
  • visitare il famoso tempio Meenakshee a Madurai
  • passeggiare nella riserva naturale di Periyar
  • esplorare l’antica città di Kochi
  • scoprire le antiche arti tradizionali come Kathakali (teatro-danza), Mohiniyattam (danza tradizionale), Bharathanatayam (teatro-danza), Kalaripayattu (arte marziale), Theyyam (danza rituale)
  • fare una crociera responsabile sul lago Vembanad, vivendo l’esperienza della vita del villaggio e osservando gli uccelli migratori
  • visitare il tempio di Vadakkumnatha
  • assistere a uno spettacolo di marionette a Thrissur
  • scoprire una “sacred grove” (foresta sacra privata) presso una famiglia Bhramana di Nilambur
  • scoprire la diversità bio-culturale dei distretti di Nilgiri e Wayanad
  • provare per 3 giorni l’esperienza di vivere come i contadini di Wayanad, ospitati dalle comunità locali
  • visitare il Bamboo Village con il suo artigianato in bambù
  • fare trekking nella foresta pluviale e nei villaggi, osservare gli animali selvatici e campeggiare nella natura selvaggia
  • assistere a rappresentazioni e attività culturali
  • visitare siti turistici storici e archeologici

RICHIEDI INFORMAZIONI










Il tuo messaggio (richiesto)

Vuoi iscriverti alla nostra Newsletter? (richiesto)

Termini e Condizioni
Desideriamo farti sapere come conserveremo i tuoi dati, per quanto tempo e per quali finalità. Potrai in ogni momento visionare e richiedere la loro cancellazione. Consulta la nostra Informativa sulla Privacy
Acconsento alla vostra Informativa sulla Privacy

IMPATTO SOCIALE ED AMBIENTALE

Tutto il tour in India del Sud è studiato in modo da apportare benefici diretti o indiretti alle comunità locali, alla tutela dell’ambiente e alla protezione del patrimonio culturale. Laddove possibile, abbiamo selezionato alloggi tradizionali sensibili alle questioni sociali e ambientali, secondo i criteri che guidano il turismo responsabile.

In particolare gli INDeco resort Mahabalipuram e Swamimalai e l’hotel d’epoca del gruppo Neemrana a Pondicherry, sono stati creati con la precisa intenzione di generare una fonte di finanziamento per lo sviluppo sociale, culturale ed economico delle aree rurali in cui sorgono. Una delle prerogative fondamentali di questi hotel è che si sviluppino tenendo sempre presente il contesto preesistente dei villaggi, con la loro cultura, le tradizioni, lo stile di vita, le abitudini e soprattutto i talenti e le conoscenze. L’INDeco Swamimalai sorge proprio in un antico villaggio ed è l’unica struttura in India ad aver vinto il Global Eco Tourism Award. Sia il gruppo INDeco che Neemrana si occupano di restaurare le proprietà storiche dell’India per preservarle e valorizzare così il patrimonio culturale del paese. Al gruppo Neemrana piace definire le sue strutture hotel non-hotel dato che nessuna è stata costruita con questo scopo. Infatti, si tratta di monumenti di rilevanza storica (dal XIV al XXI secolo) che raccontano momenti diversi della gloriosa storia Indiana. Il restauro ha dato un nuovo significato alla parola ospitalità, trasformando i soggiorni in esperienze uniche, che mostrano l’India più autentica e creano opportunità lavorative per i giovani locali.
Molte delle attività e delle visite comprese nel tour in India del Sud, permetteranno di conoscere la cultura del luogo e le azioni intrapresi in favore delle comunità emarginate. Una particolare attenzione è dedicata alla promozione dell’istruzione e dei diritti dei bambini e alle attività per la tutela dell’ambiente e per la promozione di mezzi di sussistenza alternativi per le comunità locali.
La ONG Dakshinachitra, nei dintorni di Mahabalipuram, lavora per preservare le arti e l’artigianato tradizionali. Il nome significa ‘un’immagine del sud’ ed infatti si tratta di un museo vivente in cui si incrociano arti, architettura, stili di vita e artigianato tipici del Sud dell’India. E’ possibile visitare 18 edifici storici, provenienti da diverse aree del paese, che sono stati salvati dalla demolizione, interagire con gli artigiani locali e assistere ad esibizioni teatrali e danze tradizionali.
A Pondicherry, visiterai la città internazionale di Auroville, scoprendone gli innovativi progetti di sviluppo sostenibile.
Nei dintorni di Chidambaram, ti sarà mostrata un’altra ONG, EKTA, che lavora per sostenere i diritti delle donne. Visitando il villaggio locale potrai conoscere i tradizionali pescatori di gamberetti.
Sia a Pichavaram che a Kumarakom le barche adoperate appartengono alle comunità locali, che riceveranno un equo compenso.
A Wayanad, avrai l’occasione di visitare il Bamboo Village, un’iniziativa di turismo comunitario nata dalla collaborazione di due organizzazioni locali – Uravu e Kabani – con lo scopo di fornire una fonte di guadagno alternativa agli abitanti del villaggio di Thrikaipetta. In particolare, Kabani promuove un turismo con accoglienza presso famiglie, insegnando ai locali le regole dell’ospitalità. Si attua una rotazione tra le famiglie in modo da fornire uguali opportunità a tutti. Uravu promuove imprese sociali mirate all’accrescimento del valore delle risorse naturali locali, specialmente il bambù, detto ‘l’oro verde’. Realizza programmi integrati nel settore del bambù, occupandosi della formazione per la lavorazione del materiale, dell’istituzione di piccole imprese, del commercio di artigianato in bambù, della coltivazione e della promozione di un eco-turismo.
A Kumarakom, parteciperai all’iniziativa del ‘Village life experience’ gestita dalla Nodal Agency per il turismo responsabile del Kerala. Tra i tanti luoghi in cui il turismo responsabile è stato avviato dal governo, Kumarakom è considerato il più riuscito.

Inoltre, con un contributo di 70 euro potrai sostenere lo sviluppo di progetti a favore di una delle comunità tribali più emarginate della intera India del Sud, la comunità Kattunayakan del distretto di Nilgiri negli stati di Tamil Nadu e Kerala. I progetti a sostegno di tali tribù si concentrano su due aspetti principali: la tutela della diversità biologica e culturale e la promozione dell’istruzione regolare per i bambini della comunità.

CONSIGLI PER LA PARTENZA

Si consiglia di tenere una condotta che rispetti la cultura locale, al fine di evitare qualsiasi problema o difficoltà durante il viaggio. In particolare, si consiglia di evitare comportamenti troppo affettuosi in pubblico, come baci o abbracci, perché tale atteggiamento non è ben visto. Fumare è considerato offensivo ed è punibile per legge. Sebbene questa notizia possa stupire, in Kerala vige un divieto di fumare nei luoghi pubblici. Se siete fumatori, ricordate che potrete farlo solo nella vostra stanza, se permesso dall’albergo.

E’ preferibile tenere un abbigliamento consono per due motivi: evitare di ferire le persone del luogo e proteggersi dalle condizioni climatiche instabili. Inoltre, c’è il problema delle zanzare; si consiglia di tenere braccia e gambe coperte e di portare con sé dei repellenti per insetti, soprattutto durante i giri in barca.
Il fuso orario dell’India è GTM/UTC +5.30, dunque anche il jet lag potrebbe creare fastidi. Impostare il proprio orologio sull’ora indiana ancor prima dell’arrivo può essere utile; così come mangiare e dormire secondo l’ora locale. In caso di arrivo in India di mattina, sforzarsi di rimanere svegli aiuterà il proprio orologio interno a resettarsi.

Un approccio consapevole ai viaggi richiede una considerevole capacità e volontà di adattamento alla cultura e all’ambiente locali. Se desideri viaggiare con noi, ti chiediamo di avere un atteggiamento di completa apertura verso la cultura, la religione e le tradizioni del posto, dimenticando qualsiasi pregiudizio o idea preesistente, derivanti dal nostro modo occidentale di pensare. Guardare con occhi nuovi, con pazienza e apertura, ti permetterà di vedere l’autentica essenza del patrimonio culturale dell’India del Sud attraverso i luoghi e le persone che incontrerai.
Compiuto questo piccolo sforzo, riuscirai a godere davvero della bellezza di una cultura totalmente differente, della meraviglia della natura, della solennità di templi e palazzi Dravidici, della sacralità delle acque degli infiniti fiumi che fluiscono attraverso questa terra magica.

HOTELS

Abbiamo selezionato tradizionali e bellissimi alberghi d’epoca con servizi eccellenti per tutta la durata del tour. Per tutti gli alberghi è stata fatta una selezione scrupolosa, in base ai criteri di impatto sociale ed ambientale.
Nella regione di Wayanad abbiamo scelto una soluzione di homestay tradizionale nel villaggio Thrikaipetta.
A Madurai, Kochi e Mettupalayam, le sistemazioni sono hotel cittadini tradizionali completi di tutti i servizi.

TRASPORTI

Saranno utilizzate auto private o mini-bus forniti di AC, in base al numero di partecipanti, per tutti gli spostamenti da Chennai a Kochi; viaggio in treno a vapore da Metupalayam a Ooty; passeggiata in bicicletta ad Auroville; giro in barca a Pichavaram e Kumarakom.

INDIA QUANDO ANDARE

Il clima in entrambi gli stati è essenzialmente tropicale. Le temperature più alte, oltre i 40° C, si registrano da Aprile a Giugno. Il periodo più freddo è tra Dicembre e Gennaio, ma in particolare sulle zone collinari come Ooty, Kodaikkanal e Yercaud, dove la temperatura può arrivare ai 5° C durante la notte. Il periodo migliore va da Ottobre a Marzo, soprattutto per il Kerala, che da Giugno a Settembre è colpito dai monsoni. Sebbene la maggior parte dei turisti evitino questo periodo, visitare il Kerala durante i monsoni è un’esperienza fantastica.

RECENSIONI DI VIAGGIO

“Ho trascorso del tempo fantastico, sorprendente quanti paesaggi abbiamo visto e quante cose abbiamo fatto. Non potrò mai elogiare abbastanza la nostra guida; ha dato tutto sé stesso affinché traessimo il massimo da tutte le esperienze che ci venivano proposte. Grazie a tutti per il lavoro e la competenza che ci sono voluti per preparare il viaggio…è stato stupefacente, un sogno divenuto realtà”
Laura Di Niglio, 2014

“Questo itinerario è un’eccellente introduzione all’India del Sud, alla scoperta della ricchezza culturale e naturale di questa bellissima terra. La nostre guide locali, volontari di ONG e interpreti ci hanno aiutato a cambiare la nostra percezione riguardo cosa sia la tutela dell’ambiente e come dovremmo proteggere la natura. Ci hanno offerto esperienze molto soddisfacenti e hanno facilitato sia il nostro divertimento che la nostra comprensione.”
Jacopo Visconti, 2014

NEWSLETTER




Go top