India

Rajasthan Rurale

India

Rajasthan Rurale

India

Rajasthan Rurale

India

Rajasthan Rurale

India

Rajasthan Rurale

India

Rajasthan Rurale

India

Rajasthan Rurale

Rajasthan rurale

Viaggio in India – 14 Giorni

Questo viaggio ti offre l’opportunità di esplorare le più famose città del Rajasthan rurale e allo stesso tempo conoscere gli aspetti più autentici del paese, visitando i villaggi rurali e le destinazioni meno note, che ti riempiranno occhi, cuore e anima. Potrai incontrare ogni giorno persone straordinarie, immergerti nell’antica e fiorente cultura locale, lasciarti sorprendere dalle particolarità del Rajasthan.
L’interazione con le comunità locali è essenziale, per poter osservare i volti, ascoltare le voci e le storie che renderanno il viaggio un’esperienza unica.
Il tour comincerà a Nuova Delhi, nelle affascinanti strade del cuore della città, il quartiere di Paharganj (nella vecchia Delhi), accompagnati da giovani guide formate da una ONG locale che sostiene e aiuta i bambini di strada. Si proseguirà verso il celebre Taj Mahal, uno dei siti patrimonio dell’UNESCO, costruito per volere dell’imperatore Mughal Shahjahan, in memoria della moglie.
Non potrà mancare la visita alle più belle città del Rajasthan: Jaidpur ‘la città rosa’, la città sacra di Pushkar, Jodhpur ‘la città blu’ ed infine Udaipur ‘la città dei laghi’. Durante il viaggio sarà possibile visitare villaggi rurali e incontrare persone locali, scoprendo la varietà delle espressioni culturali attraverso danze e canzoni popolari e spettacoli del teatro delle marionette.
Chi vorrà, potrà seguire corsi di costruzione delle marionette e di lavorazione della ceramica, conservando la propria creazione come ricordo. Ciò consentirà di toccare con mano le antiche tradizioni culturali del luogo, che miracolosamente continuano a prosperare.
Soggiornando negli antichi palazzi reali di Roopangarth e Bhenswara, si vivrà l’esperienza delle antiche caste Indiane; l’antica fortezza di Roopangarth, situata nell’omonima cittadina, oggi è un albergo culturale, in cui si respira ancora la cultura Maharaj. A Bhemswara, invece, il soggiorno si svolgerà al castello Ravla, che riflette la tradizionale ospitalità Rajput, in una sapiente commistione di antico e moderno.
La succulenta e rinomata cucina del rurale Rajasthan, con i suoi profumi e sapori, aggiungerà al viaggio una fantastica esperienza sensoriale. Su richiesta, sarà possibile organizzare dei corsi di cucina che consentano non solo di collaborare alla preparazione dei piatti, ma anche di vivere l’esperienza dei mercati locali, accompagnando la famiglia ospitante a fare la spesa, e di godere di una meravigliosa esperienza di convivialità, oltre che di un pasto delizioso.
Durante il tempo libero, sarà possibile vagabondare nei villaggi e chiacchierare con uomini e donne che saranno felici di illustrare le attività a cui si dedicano.

Itinerario disponibile per:
Viaggio di gruppo
Viaggio Privato (min. 2 persone)
Viaggio di nozze
Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibileViaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibileViaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° giorno: arrivo a Nuova Delhi

Nuova Delhi
Arrivo all’aeroporto di Nuova Delhi, incontro con i nostri operatori all’uscita del terminal e trasporto in albergo. Nel pomeriggio, tour guidato del quartiere di Lutyens, giro in auto per vedere il Palazzo del Parlamento, il Palazzo Presidenziale e l’India Gate. Visita del famoso Mausoleo di Humayun, una meraviglia architettonica. Il tour cittadino termina al complesso di Qutb, con la visita al Qutb Minar, con i suoi 5 piani e 72m di altezza, e alla Colonna di Ferro. Ritorno in albergo.
Pernottamento a Nuova Delhi.

2° giorno: visita al Taj Mahal

Nuova Delhi-Agra
Al mattino (ore 10), visita al quartiere povero di Paharganj, nella Vecchia Delhi, guidati dai giovani della ONG Salaam Balaak Trust, che salva i ragazzi dalla strada, li istruisce e li forma professionalmente. I percorsi di City Walk mirano a portare alla luce la tragica realtà dei bambini di strada e a mostrare il mondo dalla loro prospettiva. La passeggiata si svolge nel quartiere di Paharganj e nelle zone attorno alla stazione ferroviaria, accompagnati da un ex bambino di strada che è stato aiutato dalla ONG e oggi ha un’occupazione. Si ha così l’occasione unica di visitare la città con guide d’eccezione.
Nel pomeriggio, viaggio ad Agra via autostrada (circa 4h). Arrivo e visita del Taj Mahal (chiuso il venerdì), uno dei monumenti più famosi e visitati dell’India, costruito per volere dell’imperatore Mughal Shahjahan in memoria dell’amata moglie Mumtaz Mahal. L’imponente edificio in marmo bianco è oggi un simbolo universale di amore e romanticismo ed è anche una delle sette meraviglie del mondo. Fu costruito nel 1653, data simbolicamente riportata nei 16 giardini e 53 fontane presenti; richiese 16 anni di lavoro e l’impegno di migliaia di artigiani.
Pernottamento ad Agra. (C)
N.B. La visita al Taj Mahal si effettua il secondo giorno solo nel caso che sia un giovedì.

3° giorno: trasferimento a Jaipur

Agra-Jaipur
Al mattino, visita al Taj Mahal. Trasferimento a Jaipur (circa 4h), la più grande città del Rajasthan e simbolo di magnificenza ed abbondanza. Fondata nel 1727 da Jai Singh II, fu la prima città indiana con planimetria reticolare. Capitale sotto il regno del clan Kachwaha, la città è una destinazione turistica ideale.
Pernottamento a Jaipur. (C)

4° giorno: visita ad Amber Fort

Jaipur
Dopo la colazione, visita all’ Hawa Mahal lungo la strada per Amber Fort. Trasporto in jeep al castello. Dopo pranzo, visita al museo Anokhi, che mostra quanto l’artigianato giochi un ruolo indispensabile nell’economia rurale dell’India. Nel pomeriggio, visita al Palazzo Reale e alla città antica; luoghi ricchi di fascino, cultura e architetture, con le splendide fortezze, i maestosi palazzi, i tranquilli templi e le bellissime Haveli (antiche residenze signorili). Un raffinato artigianato e una spettacolare tradizione orafa, accrescono l’unicità della ‘città rosa’. I lussureggianti giardini e le aiuole fiorite aggiungono serenità al paesaggio. Tutti insieme questi ingredienti creano un ambiente pittoresco che ammalia i visitatori. Passeggiare lungo le strade di questa singolare città rende più facile la comprensione della storia locale.
Pernottamento a Jaipur. (C)

5° giorno: visita al progetto rurale di Tilonia

Jaipur-Tilonia-Pushkar
Trasferimento a Pushkar (160 km, circa 3h e mezza). Sosta durante il tragitto a Bagru, noto per le stampe su tessuto. E’ una buona occasione per vedere artigiani e artigiane al lavoro. Proseguimento fino a Tilonia, un piccolo villaggio sede della ONG chiamata Barefoot College. I ‘Barefoot soldiers’ (soldati scalzi) hanno avviato significativi cambiamenti sociali e ambientali utilizzando la conoscenza e le risorse locali. Passando dalla creazione di maschere e marionette fino a discussioni su tematiche come la gestione delle risorse idriche e l’uso dell’energia solare, la visita permette l’interazione con le genti native e agevola la comprensione della complessità e dinamicità del vero Rajasthan, lontano dai comuni circuiti turistici. Sono disponibili una libreria e dei documentari riguardo le conquiste dell’organizzazione.
Pranzo al campus. Visita al villaggio Harmara, incontro con un conciatore di pelle, che mostri il processo di creazione di borse e cinture. Possibilità di acquisto dei prodotti.
Proseguimento verso la città sacra di Pushkar, una delle mete di pellegrinaggio più importanti della fede Hindu e famosa per la fiera del bestiame e il tempio di Brahma. Pushkar vuol dire fiore di loto, che nell’immaginario Hindu funge da seduta per Brahma, prima persona della Trinità Hindu (insieme a Vishnu e Shiva), che viene venerato come creatore del mondo. È possibile assistere ai rituali serali sulle sponde del lago.
Pernottamento a Pushkar. (C, P)

6° giorno: visita a Pushkar

Pushkar
Al mattino, tempo libero per passeggiare per le strade di Pushkar e incontrare persone venute da tutto il mondo per cercare il proprio io, attraverso la meditazione hindu. In qualche caso fortunato, è possibile osservare uno Yogi che medita vicino al lago. Si consiglia di pranzare sul lago e di visitare il tempio Jagatpita Brahma Mandir, uno dei pochi templi dedicati al dio-creatore Brahma ancora esistenti e, di certo, il più importante. Sebbene la struttura attuale risalga al XIV secolo, si crede che il tempio abbia 2000 anni. È costituito prevalentemente di marmo e pietra. Ha pinnacoli rossi (shikhara) e motivi decorativi con uccelli hamsa. Al centro, è custodita un’immagine di Brahma con la sua seconda moglie, Gayatri.
Pernottamento a Pushkar. (C)

7° giorno: lezioni sull’artigianato a Roopangarth

Pushkar-Roopengarh
Dopo la colazione, partenza per Roopangarth (circa 1h), un’isolata fortezza che ospitò per una notte un re Mughal. È uno dei luoghi prediletti dagli amanti della storia, che permette di ammirare la cultura del Rajasthan. Ora trasformato in hotel d’epoca, fu costruito per volere del Maharaja Roop Singh nel 1648.
Nel pomeriggio, visita al villaggio di Roopangarth e incontro con artigiani, tessitori, creatori di Gota (tipico abito lungo indiano) e Dhurrie (tappeti dalle piccole dimensioni) e ceramisti, per sottolineare la profonda connessione tra il commercio e l’artigianato nell’India rurale. Infatti, è la maggiore fonte di occupazione, dopo l’agricoltura.
Pernottamento a Roopangarth. (C)

8° giorno: incontro con le comunità a Guda

Roopengarh-Guda Village-Roopengarh
Dopo la colazione, visita al villaggio di Guda, vicino Makrana. Gandhi una volta disse che “la vera India vive nei villaggi”ed è proprio quello che si intende dimostrare. Il soggiorno di due giorni dà la possibilità di approfondire le tematiche affrontate dalla vera India come l’autonomia delle donne, le condizioni sociali, la salute, l’istruzione, il sostentamento. Si svolgono laboratori sull’antica arte delle marionette, riflettendo su un loro possibile uso odierno per agevolare l’alfabetizzazione e per sottolineare i temi sociali più urgenti. Aiutati da artisti esperti, i visitatori possono cimentarsi nella costruzione delle marionette.
In serata, visita alla comunità Bhopa, che dopo il tramonto esegue una rappresentazione cantata della storia feudale di Papuji Rathore. Tali rappresentazioni non si svolgono mai negli alberghi o nei resort; si preferisce far immergere i visitatori negli scenari reali, affinché comprendano al meglio il retaggio delle comunità e i loro rituali tradizionali. Possibilità di visitare una scuola locale e interagire con i bambini. Possibilità di applicazione del Mehndi, ovvero il tipico tatuaggio temporaneo eseguito con henné naturale rosso, su mani o piedi, applicato dalle donne del villaggio. Ritorno in albergo.
Pernottamento a Roopargarth. (C, P)

9° giorno: attività sociali a Makrana

Makrana-Jodhpur
Trasferimento a Mandore (270km, circa 5h e mezza), nelle vicinanze di Jodhpur. Arrivo a Mandore e sistemazione presso la Mandore Guest House. Possibilità di collaborare con i volontari della ONG supportata dalla famiglia. Previa richiesta da parte dei visitatori, è possibile contattare direttamente l’organizzazione per offrire il proprio aiuto pratico e concordare una mansione da svolgere, che sia in accordo con le proprie capacità e con le necessità del momento. I volontari sono molto attivi e impegnati in progetti a lungo termine legati all’istruzione, all’assistenza medica, all’ambiente, alla questione femminile e ad altri aspetti socio-economici. Svolgono anche attività dedicate al sostegno dei poveri, come la distribuzione di cibo, vestiario, medicine, e alla accoglienza di animali feriti o disabili.
Pernottamento a Jodhpur. (C)

10° giorno: visita a Jodhpur

Jodhpur
Al mattino, visita dell’imponente Forte Mehrangarh e del bazaar. Sono disponibili varie attività alla Mandore Guest House: osservazione degli uccelli, passeggiate in bicicletta verso i villaggi vicini per vedere i progetti rurali, jeep-safari al villaggio Bishnoi (a pagamento).
Pernottamento a Jodhpur (C)

11° giorno: soggiorno in un castello reale a Bhenswara

Jodhpur-Bhenswara
Trasferimento a Bhenswara (120km, circa 2h e mezza). Il castello Ravla fu costruito da Th. Jagat Singh Ji Rathore, fondatore di Bhenswara, circa 240 anni fa, in tipico stile Rajput. Occupato per ben dieci generazioni dai governanti della regione, è stato rimodernato nei primi anni 40 e da 18 anni è divenuto un hotel d’epoca. Oggi, la struttura è una perfetta unione di tradizione e modernità. Offre un lusso moderno, nell’incantevole cornice di un villaggio tradizionale. Le stanze, attrezzate di tutti i comfort, presentano eleganti decorazioni alle pareti, tutte con temi locali.
Pernottamento a Bhenswara. (C)

12° giorno: trasferimento a Udaipur

Bhenswara-Udaipur
Lungo il tragitto per Udaipur, diretti al tempio di Ranakpur, si gode della vista dei Monti Aravalli e delle trasformazioni del paesaggio. Si passeggia lungo il lago e nelle strette strade della città, ognuna con un carattere unico. Udaipur deve la sua fama non solo a storia, cultura e posizione panoramica, ma anche ai suoi palazzi in stile Rajput. Il Palazzo del Lago, ad esempio, copre un’intera isola situata nel lago Pichola. Molti di questi palazzi sono stati trasformati in alberghi di lusso. La città è anche nota come ‘Venezia dell’Est’ o ‘Città dei Laghi’ perché situata nelle vicinanze dei laghi più belli dello stato.
Pernottamento ad Udaipur. (C)

13° giorno: visita a Udaipur

Udaipur
Intera giornata nella città più romantica del Rajasthan, che offre una originale arte orafa, vestiti pittoreschi e giocattoli in legno. Si può fare una visita guidata al Palazzo della Città, al giardino Saheliyon Ki bari e al tempio Jagdish, dedicato a Vishnu. Nel pomeriggio, si può fare un giro in barca sul lago Pichola durante il tramonto.
Pernottamento a Udaipur. (C)

14° giorno: partenza da Udaipur

Udaipur-Delhi
Trasferimento all’aeroporto di Udaipur e partenza con volo internazionale.

ATTIVITÀ

  • esplorare Nuova Delhi attraverso gli occhi di giovani guide formate da Salaam Balak Trust
  • visitare uno degli edifici più famosi al mondo, il Taj Mahal, epitome dell’arte Mughal
  • scoprire Jaipur, la capitale del Rajasthan, nota come “la città rosa”
  • fare compere solidali al villaggio Bagru, dove sarà possibile acquistare tessuti stampati a mano, direttamente da artigiani locali
  • apprendere come il Barefoot College di Tilonia stia lavorando per migliorare le vite delle povere popolazioni rurali
  • incontrare i conciatori di pelle nel villaggio Harmara, che mostreranno le loro tecniche per creare borse e cinture
  • visitare la città sacra di Pushkar, una delle mete di pellegrinaggio più importanti per la fede Hindu, famosa per la sua fiera del bestiame e per il tempio Brahmas
  • trascorrere due notti al Roopangarth Fort, uno dei palazzi prediletti dai re Mughal
  • incontrare i tradizionali artisti delle marionette della comunità Bhopa, nel villaggio di Guda
  • informarsi sullo sviluppo dei progetti della ONG di Mandore e svolgere lavori di volontariato
  • visitare lo splendido Mehrangarth Fort e il bazaar di Jodhpur, “la città blu”
  • vivere l’esperienza dell’antica dinastia Rajput, soggiornando nel castello reale di Bhenswara
  • godersi il panorama che si trasforma sui Monti Aravalli, lungo la strada per Udaipur
  • scoprire Udaipur, ‘la città dei laghi’, anche chiamata la “Venezia dell’Est”
  • fare un giro in barca per ammirare il meraviglioso tramonto sul lago Pichola
  • assistere ad attività e rappresentazioni culturali
  • visitare siti storici e archeologici

RICHIEDI INFORMAZIONI









Il tuo messaggio (richiesto)

Vuoi iscriverti alla nostra Newsletter? (richiesto)

Termini e Condizioni
Desideriamo farti sapere come conserveremo i tuoi dati, per quanto tempo e per quali finalità. Potrai in ogni momento visionare e richiedere la loro cancellazione. Consulta la nostra Informativa sulla Privacy
Acconsento alla vostra Informativa sulla Privacy

JAIPUR

Jaipur, la ‘città rosa’, è senza dubbio una destinazione imperdibile del Rajastahn e una parte importante del Triangolo d’oro turistico dell’India. Gli antichi palazzi e fortezze, vere meraviglie architettoniche, non solo conquistano il cuore del visitatore, ma rendono la vacanza memorabile. Ciò che resta delle ere passate affascina il visitatore e gli consente di gettare uno sguardo sulla vita che vi si svolgeva durante la monarchia.

  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile

PUSHKAR

Nonostante sia una piccola e tranquilla città sacra, Pushkar attira numerosi viaggiatori itineranti e hippie da tutto il mondo. Se si desidera scoprirne i colori, il momento migliore è durante la Fiera del bestiame, tra Ottobre e Novembre. Comunque, si può godere del fascino della città per tutto l’anno. Dopo aver esplorato i luoghi sacri, bisogna assolutamente visitare i vivaci mercati, dove si possono comprare oggetti tradizionali e fatti a mano per farne regali o souvenir.

  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile

UDAIPUR

Se si è interessati agli antichi palazzi e residenze signorili, Udaipur è probabilemente la migliore destinazione del Rajasthan. Qui si sono tanti maestosi edifici che si specchiano sui bellissimi laghi che circondano la città, considerati raffinati esempi di architettura militare Rajput e dello stile Mughal. Il Palazzo del Lago è uno dei più popolari e copre un’intera isola nel lago Pichola. La varietà di tecniche decorative incanta il visitatore. Inoltre, ci sono musei che raccolgono molte foto e cimeli della famiglia reale e altri reperti storici .

  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile

JODHPUR

La presenza di molti edifici di questo colore è la ragione per cui Jodhpur è definita ‘la città blu’. E’ la seconda città più grande del Rajasthan ed è nota per le meraviglie architettoniche e il patrimonio culturale. Una delle maggiori attrazioni è il forte di Mehrangarh, il più grande dell’India. Al cui interno si trovano numerosi palazzi e e musei.
Ogni anno ad Ottobre, in città si svolge il Festival Popolare Internzionale del Rajasthan (RIFF).

  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile
  • Viaggi Rajasthan India Turismo responsabile e sostenibile

IMPATTO SOCIALE ED AMBIENTALE

Tutto l’itinerario è studiato in modo da apportare benefici diretti o indiretti alle comunità locali, alla tutela dell’ambiente e alla protezione del patrimonio culturale. Laddove possibile, abbiamo selezionato alloggi tradizionali sensibili alle questioni sociali e ambientali, secondo i criteri che guidano il turismo responsabile.

Il Rajasthan è un paese pieno di contraddizioni. Da un lato le Haveli (case signorili) e i palazzi d’epoca trasformati in hotel di lusso, dall’altro condizioni di povertà tra le più estreme del paese.
Uno dei principi che riteniamo essenziale, nella scelta delle strutture, è il rispetto delle tradizionali architetture locali. Intendiamo, così, sfruttare il flusso monetario derivante dal turismo per contribuire alla protezione degli edifici storici, scegliendo alcuni di questi come sistemazione durante i viaggi. Proprio l’impatto economico del turismo permette di rinnovare e preservare alcuni dei palazzi, delle fortezze e delle residenze storiche del Rajasthan, che sarebbero altrimenti abbandonate o distrutte. Questo tour comprende alcune destinazioni turistiche conosciute, a cui sono stati affiancati posti molto meno noti, per riuscire a distribuire in modo più equo il flusso economico prodotto. Inoltre, il soggiorno in luoghi tradizionali e ricchi di storia, permette di immergersi pienamente nella cultura del luogo, al fine di creare un autentico incontro con le comunità locali. ONG locali e associazioni di volontariato mostraranno ai turisti la realtà dei luoghi visitati, attraverso le loro attività. Così i ragazzi che vi faranno da guide a Nuova Delhi, formati dalla ONG Salaam Balaak, vi faranno riflettere sull’importante tema dei bambini di strada o sfruttati che vivono in città, parlando della loro esperienza personale e della vita alternativa che si sono costruiti; vi mostreranno i centri di accoglienza e vi illustreranno i progetti intrapresi dall’organizzazione, che da anni offre assistenza a questi bambini e ne agevola l’accesso all’istruzione e al lavoro.
L’intero itinerario è creato in collaborazione con Kalakar Vikas Samiti, un piccolo gruppo di artisti tradizionali che cerca di sostentarsi attraverso l’arte e l’artigianato. La maggior parte degli hotel e dei ristoranti espongono artisti della regione, ma a parte quello visivo attraverso le opere, non c’è altro contatto con l’artista. Il nostro percorso vuole dare al turista l’opportunità di capire la loro arte e la loro cultura, e all’artista, la certezza di non dover scendere a compromessi, conferendogli il potere di scegliere. Sarà possibile visitare le loro abitazioni durante il viaggio. Il nostro contributo a queste comunità assicura loro il mantenimento e il rafforzamento dell’autonomia, la possibilità di affinare le loro abilità e creare una rete di artisti che copra tutto il Rajasthan, così da espandere i benefici tratti dal Turismo Responsabile. Organizziamo laboratori per apprendere non solo i loro tradizionali mestieri, ma anche per comprenderne il contesto sociale. Proponiamo anche uno Shopping Responsabile, che consenta di acquistare i prodotti direttamente dagli artigiani, senza alcun bisogno di intermediari che traggano profitti, spesso irragionevoli, a scapito dei produttori. Allo stesso modo, incoraggiamo i soggiorni presso le famiglie locali, così che i benefici economici vadano direttamente alle comunità.

A Tilonia vi mostreremo alcune delle attività svolte dall’ONG Barefoot College, che ha come obiettivo primario quello di promuovere soluzioni innovative e sostenibili per agevolare l’autonomia delle comunità rurali emarginate. Tale scopo è perseguito attraverso varie campagne a sostegno dell’uso dell’energia solare, della disponibilità di acqua potabile, dell’istruzione, delle attività economiche e dell’attivismo sociale. Dal 1972 il College lavora per migliorare le condizioni di vita delle popolazioni rurali, preoccupandosi di garantire i bisogni basilari come l’acqua,la casa, la salute, l’istruzione, l’elettricità e il reddito. Ad oggi, donne da più di 50 paesi di Africa, Asia e America Latina, sono state formate per portare l’energia solare nelle loro comunità.
Durante il soggiorno a Mandore/ Jodhpur avrete occasione di collaborare con la ONG Mewar Medical and Relief Society. I loro volontari sono coinvolti in molteplici progetti, alcuni laici legati al campo dell’istruzione, altri all’assistenza sanitaria, all’ambiente, agli aspetti socio-economici e alla questione femminile. Intraprendono anche iniziative per i più poveri, come distribuzione di cibo, vestiario o medicine, e all’accoglienza degli animali disabili o feriti.

Inoltre, con un contributo di 70 euro potrete sostenere lo sviluppo di progetti a favore di una delle comunità tribali più emarginate dell’India, la comunità Kattunayakan del distretto di Nilgiri negli stati di Tamil Nadu e Kerala. I progetti a sostegno di tali tribù si concentrano su due aspetti principali: la tutela della diversità biologica e culturale e la promozione dell’istruzione regolare per i bambini della comunità.

CONSIGLI PER LA PARTENZA

Si consiglia di tenere una condotta che rispetti la cultura locale, al fine di evitare qualsiasi problema o difficoltà durante il viaggio. In particolare, si sconsiglia di adottare comportamenti troppo affettuosi in pubblico, come baci o abbracci, perché tale atteggiamento non è ben visto.

E’ preferibile tenere un abbigliamento consono per due motivi: evitare di ferire le persone del luogo e proteggersi dalle condizioni climatiche instabili. Inoltre, c’è il problema delle zanzare; si consiglia di tenere braccia e gambe coperte e di portare con sé dei repellenti per insetti, soprattutto durante i giri in barca. Il fuso orario dell’India è GTM/UTC +5.30, dunque anche il jet lag potrebbe creare fastidi. Impostare il proprio orologio sull’ora indiana ancor prima dell’arrivo può essere utile; così come mangiare e dormire secondo l’ora locale. In caso di arrivo in India di mattina, sforzarsi di rimanere svegli aiuterà il proprio orologio interno a resettarsi.

Un approccio consapevole ai viaggi richiede una considerevole capacità e volontà di adattamento alla cultura e all’ambiente locali. Se desideri viaggiare con noi, ti chiediamo di avere un atteggiamento di completa apertura verso la cultura, la religione e le tradizioni del posto, dimenticando qualsiasi pregiudizio o idea preesistente, derivanti dal nostro modo occidentale di pensare. Guardare il Rajasthan con occhi nuovi, con pazienza e apertura, ti permetterà di vedere l’autentica essenza del patrimonio culturale del paese attraverso i luoghi e le persone che incontrerai.
Compiuto questo piccolo sforzo, riuscirai a godere davvero della bellezza di una cultura totalmente differente, della meraviglia della natura, della solennità di templi e palazzi, della sacralità delle acque degli infiniti fiumi che fluiscono attraverso questa terra magica.

HOTELS

Abbiamo selezionato tradizionali e bellissimi alberghi d’epoca con servizi eccellenti per tutta la durata del tour. Per tutti gli alberghi è stata fatta una selezione scrupolosa, in base ai criteri di impatto sociale ed ambientale.
A Jodhpur, abbiamo scelto una guest house nel vicino villaggio di Mandore, dove sarà possibile osservare il lavoro della ONG Mewar. A Roopangarth e Bhenswara, le sistemazioni sono dei tradizionali palazzi/castelli reali, testimonianze dello stile Rajput.

TRASPORTI

Saranno utilizzate auto private o mini-bus forniti di AC, in base al numero di partecipanti, per tutti gli spostamenti da Delhi fino a Udaipur.

INDIA QUANDO ANDARE

Il clima del Rajasthan si può dividere nel modo seguente: Estate da Aprile a Giugno, Monsoni da Luglio a Settembre, Post-Monsoni da Ottobre a Dicembre, Inverno da Gennaio a Marzo. Le estati del Rajasthan sono calde ed umide con temperature che possono salire fino ai 45° C. Il paese è visitato da turisti tutto l’anno, grazie al suo clima piacevole. Comunque, il periodo migliore è quello che va da Ottobre a Marzo.

RECENSIONI DI VIAGGIO

“Posti meravigliosi, ricchi di atmosfera…tutti gli alberghi sono stati scelti in maniera eccelsa ed il solo soggiornarvi è stata un’esperienza!”
Isabella Viganò, 2014

“il viaggio è stato una fantastica esperienza!!! Visitare piccole cittadine, villaggi e vedere lo svilupparsi dei progetti mi ha concesso la rara opportunità di conoscere la cultura e le tradizioni locali… Vorrei anche ringraziare la nostra meravigliosa guida Shiva, che ha avuto un ruolo molto importante per la riuscita del viaggio! E’ stato molto professionale, gentile e disponibile con tutti i viaggiatori. Grazie davvero per questo fantastico viaggio! Namastè”
Eleonora Scalzo, 2014

“Una vacanza favolosa. Un percorso ben pianificato. La nostra guida era ben informata e desiderosa di rendere la nostra vacanza un’esperienza meravigliosa… Partecipare all’Holi festival è stata un’occasione eccezionale, grazie per queste speciali partenze alla scoperta della magia e della gioia dei festival Indiani”
Fabiano Celeste, 2014

NEWSLETTER




Go top